Ultima modifica: 1 Ottobre 2019

Migranti (materiali 2019)

Pagina a cura della prof. Vittoria NICOLO’

In questa pagina sono riuniti i materiali selezionati (insieme alle Proff. Maria Pina D’ANDREA e Doriana D’ETTORRE) per le allieve e gli allievi dell’I.P.S. “A. Filosi” di Terracina

Percorsi di Educazione alla Legalità e Cittadinanza e Costituzione

_______________________________________________________

Materiali A.S. 2019-2020

freccia “L’Europa inizia a Lampedusa” (al via dal giorno 01 ottobre 2019 i lavori dei 200 studenti sull’isola di Lampedusa dall’Italia e dall’Europa, con il Sottosegretario Giuseppe De Cristofaro) – link al MIUR


freccia In Migrazione – link esterno al sito


freccia Centro Astalli (Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Italia – JRS) – link esterno al sito


freccia Cestim – Centro Studi Immigrazione – link esterno al sito


freccia Materiali didattici sui fenomeni dell’immigrazione (a cura del Cestim) – link esterno al sito


freccia Tempi Moderni – link esterno al sito


freccia Una pietra d’inciampo per ricordare il ragazzo del Mali affogato con la pagella cucita – link esterno al sito


freccia L’adolescente di 14 anni morto in mare con la pagella cucita in tasca – link esterno al sito



_______________________________________________________

Materiali A.S. 2018-2019

Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo,
sia benedetto il tuo sale,
sia benedetto il tuo fondale,
accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde,
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature,
che tornano al mattino con la pesca
dei naufraghi salvati.
Mare nostro che non sei nei cieli,
all’alba sei colore del frumento,
al tramonto dell’uva di vendemmia,
ti abbiamo seminato di annegati
più di qualunque età delle tempeste.
Mare nostro che non sei nei cieli,
tu sei più giusto della terraferma,
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto.
Custodisci le vite, le vite cadute
come foglie sul viale,
fai da autunno per loro,
da carezza, da abbraccio e bacio in fronte
di madre e padre prima di partire.
(Erri De Luca, Migranti)


rifugiati

Il 3 ottobre 2013, a largo di Lampedusa, annegarono oltre trecento migranti (368), molti di origine eritrea. Una delle più gravi stragi marittime degli ultimi decenni.

_______________________________________________________


Un unico destino – Tre padri e il naufragio che ha cambiato la nostra storia

Il giorno 11 ottobre 2013, 60 miglia a sud di Lampedusa, almeno 260 tra morti e dispersi, forse più,, fecero registrare la seconda strage dell’immigrazione nel Mediterraneo.

Un unico destino – Tre padri e il naufragio che ha cambiato la nostra storia”, di Fabrizio Gatti, è il lungometraggio che rivela le verità nascoste sulla strage nel Mediterraneo del 2013 e racconta la vicenda di tre medici siriani che in quel disastro hanno perso i figli. Il docufilm è prodotto da “l’Espresso”, “Repubblica” e “Gedi Divisione Digitale” in collaborazione con “42° Parallelo”.

Il trailer

_______________________________________________________

Un unico destino. Episodio 1 – La guerra

_______________________________________________________

Un unico destino. Episodio 2 – La fuga

_______________________________________________________

Un unico destino. Episodio 3 – Il naufragio

_______________________________________________________

Un unico destino. Episodio 4 – Il comandante George Abela

_______________________________________________________

Un unico destino. Episodio 5 – Tre uomini soli

_______________________________________________________

3 ottobre - Commemorazione vittime immigrazione




_______________________________________________________

Materiali Anni scolastici precedenti

L'Europa inizia a Lampedusa - MIUR - 3 0ttobre 2017

L’Europa inizia a Lampedusa – Europe begins at Lampedusa – In occasione della Giornata della Memoria e dell’Accoglienza del 3 ottobre 2017, il MIUR (volendo piantare il seme dell’accoglienza nelle scuole italiane ed europee) ha portato a Lampedusa 200 studenti per parlare di migrazioni e conoscere i sopravvissuti.


freccia Comitato 3 ottobre (#ProtectPeopleNotBorders – Proteggere le Persone, NON i confini – Storie da Lampedusa) – link esterno a questo sito – pubblicazione 25/9/2017


freccia Migranti (bellissimo lavoro a cura della classe 5B e della maestra Anna Nervo – Scuola primaria Luigi Einaudi Marene – Progetto Migrazione e accoglienza a cura del Centro UNESCO di Torino) – link esterno a questo sito – pubblicazione 2/5/2017


freccia Sotto il cielo di Lampedusa (spunti di riflessione e poesie di eritrei, somali, europei, che volessero dire qualcosa su questa strage o sull’esperienza dell’immigrazione) – link esterno a questo sito


freccia Poesie per i morti di Lampedusa annegati da respingimento – link esterno a questo sito


icona pdf 3 Ottobre 2016. Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione. Legge n. 45 del 21 marzo 2016. (lettera inviata dal MIUR alle scuole nel 2016)


icona pdf LEGGE 21 marzo 2016, n. 45 – Istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione. (16G00054) (GU n.76 del 142016)


freccia Rai 3 – Lunedì 3 ottobre 2016, ore 21.30 – film-documentario Fuocoammare, di Gianfranco Rosi.


Fuocoammare (trailer)

Fuocoammare racconta di Samuele, che ha 12 anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia. Gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola. Ma non è un’isola come le altre, è Lampedusa, approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libertà. Samuele e i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi. Fuocoammare è stato premiato con l’Orso d’Oro al Miglior Film al Festival di Berlino 2016, ed è il candidato italiano all’Oscar 2017 per il miglior film straniero.


A mare si gioca

Il brano (composto da Tony Canto ed interpretato da Nino Frassica) A mare si gioca vuole promuovere la Campagna Bambini in Alto Mare dell’Associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini impegnata in Italia e in Siria a sostenere concretamente coloro che in questo dramma sono i più deboli, fragili e indifesi: i bambini e le loro famiglie. In Siria a causa della guerra ogni 60 secondi una famiglia è costretta a lasciare la propria casa e attraversare il mare. Un ritmo impressionante di 9.500 sfollati al giorno, di cui il 50% sono bambini.
Amici dei Bambini vuole sostenere il loro desiderio di restare nella terra che amano aiutando le famiglie in difficoltà nell’area di Idlib con la distribuzione di ceste alimentari gratuite e creazioni di forni per la distribuzione del pane. In Italia il progetto prevede invece la creazione di Case di Accoglienza per famiglie con bambini piccoli e Minori Stranieri Non Accompagnati. Per sostenere il Progetto Bambini in Alto Mare e trasformare il gioco dello scafo nel gioco della speranza basta andare sul sito www.aibi.it – Amici dei Bambini.


No man is an island, and no island is just an island
No island is just an island – A project by Liceo Scientifico Galilei Trieste, Italy for #EuropaLampedusa

I ragazzi del liceo “Galilei” di Trieste sono stati premiati nell’ambito dei “Prix Italia” della Rai grazie al loro video “No island is just an island”, nell’ambito del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”, organizzato dal Miur in collaborazione con il Comitato 3 Ottobre.


freccia Samir e il suo messaggio d’amore naufragati nel Mediterraneo (L’ultima lettera di un giovane egiziano morto nella traversata dalla Libia: «Domani mi imbarco per l’Italia, cerca di resistere per il nostro futuro») – link esterno


Solo andata (Canzoniere Grecanico Salentino)
testo di Erri De Luca – regia di Alessandro Gassman


freccia FABIO GEDA, Nel mare ci sono i coccodrilli (monografia sul testo di Fabio Geda) – link esterno


freccia Un ipertesto nato dall’incontro con il protagonista del testo di FABIO GEDA, Nel mare ci sono i coccodrilli – link esterno


freccia Isabella Maria Zoppi, Da questa parte del mare. Gianmaria Testa ed Erri De Luca nel secolo delle migrazioni – Altre Modernità – Otras Modernidades – Autres Modernités – Other Modernities – Università degli Studi di Milano – Facoltà di Lettere e Filosofia – Dipartimento di Scienze del Linguaggio e Letterature Straniere Comparate – Sezione di Studi Culturali (link esterno)


Percorsi di Educazione alla Legalità e Cittadinanza e Costituzione 2019-2020









Autorizzazione all'uso dei cookie - Questo portale o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi